Il Portale del Ciclismo professionistico

.

Giro d'Italia 2016: Ecco le 22 squadre in corsa per la Rosa

Versione stampabile

La «Corsa più dura del mondo nel paese più bello del mondo» è lo slogan che RCS Sport propone da qualche anno a questa parte per presentare il suo gioiello più prezioso, giunto alla veneranda età di 99 anni. Sì, perché il Giro d'Italia 2016 sarà l'ultimo del primo secolo di vita della prova più amata dagli italiani, i quali sperano che a conquistarla sia proprio chi indossa da due stagioni il tricolore (seppur striminzito). Vincenzo Nibali è il grande favorito della vigilia per tentare di aggiungere al già ricco palmares una nuova corona. Vengono dalla Spagna le minacce più credibili, ma non si tratta di chi festeggiò un anno fa a Milano, ossia Alberto Contador (destinato ad altri lidi). Sono infatti il rampante Mikel Landa e il navigato Alejandro Valverde coloro i quali sperano di tenere nella Penisola iberica l'ambita maglia rosa. Quarto incomodo è il polacco Rafal Majka, delfino del già citato Contador, mentre da non sottovalutare i desideri (quantomeno di podio) dei colombiani Esteban Chaves e Rigoberto Urán; c'è curiosità attorno all'olandese Tom Dumoulin, che l'anno scorso seppe sorprendentemente contendere fino alla fine la Vuelta a Fabio Aru. Ed è proprio dalla terra di Johan Cruijff e Vincent van Gogh che scatterà venerdì, con una cronometro individuale ad Apeldoorn, la tre giorni nella quale saranno grandi protagonisti i velocisti: di questa tipologia di corridori vi è abbondante scelta in gruppo, sia fra gli stranieri che fra gli italiani. Dopo un giorno di riposo (e conseguente volo fino alla Calabria) la corsa attraverserà lo Stivale per poi terminare dopo tre settimane e 3463 km nella prima capitale d'Italia, la sabauda Torino.

Qui di seguito i roster completi di tutte le squadre, analizzati nel dettaglio ed aggiornati in tempo reale da qui al momento in cui, venerdì 6 maggio, il Giro d'Italia si metterà in movimento per la 99esima volta.

Ultimi aggiornamenti
5 maggio: comunicati i dorsali definitivi. Pozzovivo con l'1, Nibali con l' 11, Valverde col 121 e Landa col 181
3 maggio: modifiche per il Team Sky (c'è Nieve per Sergio Henao) e nella FDJ (fuori Pineau, dentro Sarreau). Cambi anche per Dimension Data e IAM. Ultima squadra ad ufficializzare la Cannondale

 


AG2R LA MONDIALE

IL ROSTER

1 - Domenico Pozzovivo
2 - Guillaume Bonnafond
3 - Axel Domont
4 - Hubert Dupont
5 - Patrick Gretsch
6 - Hugo Houle
7 - Blel Kadri
8 - Matteo Montaguti
9 - Jean-Christophe Péraud

L'ANALISI

Non lo abbiamo visto al massimo delle sue potenzialità nelle sue ultime uscite, ma è Domenico Pozzovivo il capitano di una AG2R La Mondiale che si presenta al Giro d'Italia con una squadra competitiva soprattutto quando la strada tira all'insù. Gli esperti Hubert Dupont e soprattutto Jean-Christophe Péraud promettono infatti di restare vicini al loro capitano anche quando il gruppetto dei migliori sarà composto da pochi elementi; il secondo, che debutta in Italia a quasi 39 anni, punta ad una top 10 ed è la carta di riserva che il team si giocherà in caso di evenienza. Il romagnolo Matteo Montaguti è un battitore libero, che andrà alla ricerca di successi di tappa nelle frazioni mosse. Non avendo un velocista saranno molte le occasioni in cui i corridori savoiardi saranno in fuga: abili in questo particolare sono il tedesco Patrick Gretsch, il canadese Hugo Houle e Blel Kadri, già vincitore di tappa al Tour al termine di una lunga cavalcata. Guillaume Bonnafond e Axel Domont saranno valide spalle in salita per una squadra che fa un pensierino alla graduatoria per team.

IL CAPITANO
Domenico Pozzovivo

 


ASTANA PRO TEAM

IL ROSTER

11 - Vincenzo Nibali
12 - Valerio Agnoli
13 - Eros Capecchi
14 - Jakob Fuglsang
15 - Tanel Kangert
16 - Bakhtiyar Kozhatayev
17 - Davide Malacarne
18 - Michele Scarponi
19 - Andrey Zeits

L'ANALISI

Il Vincenzo Nibali imballato visto recentemente al Giro del Trentino non sarà, possiamo starne certi, quello che si presenterà al via del Giro d'Italia; questo perché il siciliano si schiera alla Corsa Rosa con una sola ambizione, la vittoria. Dalla sua può vantare la squadra più forte in salita, non solo sulla carta, ma anche analizzando le recenti performance dei suoi componenti: nelle altre formazioni il danese Jakob Fuglsang sarebbe il capitano unico, e non è da escludere che possa finire comunque nelle prime posizioni. L'estone Tanel Kangert e Michele Scarponi hanno già fatto vedere di essere pronti all'appuntamento rosa. Valerio Agnoli e Eros Capecchi sono tra i gregari migliori che un capitano possa desiderare per scremare il gruppo quando la strada sale. Il bellunese Davide Malacarne e il kazako Andrey Zeits saranno importanti nel controllare il plotone, così come il giovane Bakhtiyar Kozhatayev, considerato dai compagni di squadra come la mascotte (e particolarmente preso di mira dal sempre esuberante Scarponi).

IL CAPITANO
Vincenzo Nibali

 


BARDIANI - CSF

IL ROSTER

21 - Stefano Pirazzi
22 - Simone Andreetta
23 - Paolo Simion
24 - Nicola Boem
25 - Francesco Manuel Bongiorno
26 - Giulio Ciccone
27 - Sonny Colbrelli
28 - Mirco Maestri
29 - Nicola Ruffoni

L'ANALISI

Da Stefano Pirazzi ci si attende che faccia quanto più gli è congeniale, ovvero attaccare, attaccare, attaccare, e magari vincere, perché le qualità per farlo all'uomo di riferimento della Bardiani-CSF non mancano; e non è da escludere a priori la possibilità che il laziale possa provare a tenere in classifica. Condivide con lui i gradi di capitano Sonny Colbrelli, che cercherà la vittoria di tappa sia quando ci sarà da sprintare a ranghi compatti (dove potrà dire la sua anche Nicola Ruffoni) sia quando qualche asperità avrà effettuato una discreta selezione: potrebbe essere questo Giro d'Italia per il bresciano l'occasione per fare un ulteriore passo in avanti, dopo la già ottima prestazione all'Amstel Gold Race. Francesco Manuel Bongiorno andrà alla ricerca di qualche tappa, così come probabilmente farà anche il talentuoso Giulio Ciccone, scalatore che può buttare un occhio anche alla classifica generale (e anche a quella di miglior giovane). Dopo il successo dello scorso anno a Forlì Nicola Boem tornerà protagonista nelle fughe; presenti infine, tutti al debutto, Simone Andreetta, Mirco Maestri e Paolo Simion, con il primo adatto alle tappe mosse e gli altri due a quelle pianeggianti.

IL CAPITANO
Sonny Colbrelli

 


BMC RACING TEAM

IL ROSTER

31 - Manuel Senni
32 - Darwin Atapuma
33 - Alessandro De Marchi
34 - Silvan Dillier
35 - Stefan Küng
36 - Daniel Oss
37 - Manuel Quinziato
38 - Joey Rosskopf
39 - Rick Zabel

L'ANALISI

Il forfait dell'ultima ora di Philippe Gilbert priva la squadra del suo uomo di riferimento; spazio dunque ai molteplici tentativi di fuga. A provare a far classifica ci sarà il colombiano Darwin Atapuma, buon arrampicatore adatto a pendenze arcigne ma che non garantisce risultati di prestigio. Tra chi sicuramente attaccherà ci sarà Alessandro De Marchi, uno che raramente sbaglia tempi ed occasioni quando si muove nelle frazioni dall'andamento (molto) mosso. Daniel Oss e Manuel Quinziato potrebbero provare ad inserirsi in qualche fuga ma saranno anche utili all'uomo veloce del team, quel Rick Zabel del quale sarà interessante rilevare la progressione del suo percorso di crescita. Gli svizzeri Silvan Dillier e Stefan Küng sono passisti di alto livello e il secondo sarà uno dei favoriti per la cronometro in terra olandese. Lo statunitense Joey Rosskopf e il romagnolo Manuel Senni, quest'ultimo chiamato a sostituire la pesante assenza belga, sono alla prima presenza alla Corsa Rosa e potranno farsi valere a supporto dei compagni o, anche loro, attaccando da lontano.

IL CAPITANO
Darwin Atapuma

 


CANNONDALE PRO CYCLING TEAM

IL ROSTER

41 - Rigoberto Urán
42 - André Cardoso
43 - Simon Clarke
44 - Joe Dombrowski
45 - Davide Formolo
46 - Moreno Moser
47 - Ramunas Navardauskas
48 - Alberto Bettiol
49 - Nathan Brown

L'ANALISI

Per uno salito in due occasioni sul podio finale del Giro il risultato minimo non può che essere ripetere tale performance, soprattutto alla luce della controprestazione dello scorso anno. Ci riferiamo ovviamente a Rigoberto Urán, capitano di una Cannondale che schiera diversi elementi interessanti. Curiosità c'è attorno a quello che potrà fare Joe Dombrowski, un'ira di Dio tra i dilettanti in salita e non ancora fattosi vedere tra i professionisti a quel livello. L'ancora giovane Davide Formolo continuerà a provarsi quando la strada sale ma è chiamato a rappresentare un'alternativa al colombiano, facendo più di un pensiero alla maglia bianca. Moreno Moser sembra star tornando ai livelli che gli competono e può cercare la vittoria in qualche tappa; discorso che vale anche per due come Simon Clarke e Ramunas Navardauskas, dotati, soprattutto il lituano, di uno spunto veloce non indifferente. Il portoghese André Cardoso è uno scalatore regolarista da top 20 mentre Nathan Brown dovrebbe avere un ruolo da gregario più universale. Completa il roster Alberto Bettiol: il toscano esordisce in un GT al terzo anno da professionista. 

IL CAPITANO
Rigoberto Urán

 


DIMENSION DATA

IL ROSTER

51 - Igor Antón
52 - Omar Fraile
53 - Songezo Jim
54 - Merhawi Kudus
55 - Kristian Sbaragli
56 - Kanstantsin Siutsou
57 - Jay Robert Thomson
58 - Johann Van Zyl
59 - Jaco Venter

L'ANALISI

Quando era ancora una formazione Professional aveva richiesto l'invito alla Corsa Rosa, non ricevendo una risposta positiva dagli organizzatori (decisamente miopi): così la Vuelta 2014 e l'accoppiata Tour-Vuelta del 2015 sono state le prime esperienze di un team africano in un grande giro, per giunta con vittorie. È quindi al debutto in Italia la formazione sudafricana; come capofila c'è Igor Antón, spagnolo vincitore nel 2011 sullo Zoncolan, che però non avrà grandi possibilità di classifica. Meglio puntare ad un successo parziale, discorso che si può allargare anche all'esperto bielorusso Kanstantsin Siutsou, anch'egli in passato primo (nel 2009) a Bergamo. Tante fughe anche per lo spagnolo Omar Fraile (miglior scalatore alla Vuelta 2015) mentre potrebbe tenere in graduatoria l'interessantissimo eritreo Merhawi Kudus, che potrebbe anche avere sogni di gloria nella classifica riservata ai giovani. Gli sprint saranno terreno dell'unico italiano in squadra, ossia Kristian Sbaragli, che già sa come si vince in una corsa World Tour (Vuelta 2015) ma dovrà lottare con velocisti più scafati di lui. Completano la rosa i sudafricani Songezo Jim, Jay Robert Thomson, il campione nazionale Johann Van Zyl e Jaco Venter, gregari utili soprattutto in pianura.

IL CAPITANO
Igor Antón

 


ETIXX - QUICK STEP

IL ROSTER

61 - Marcel Kittel
62 - Gianluca Brambilla
63 - David De La Cruz
64 - Bob Jungels
65 - Fabio Sabatini
66 - Pieter Serry
67 - Matteo Trentin
68 - Carlos Verona
69 - Lukasz Wisniowski

L'ANALISI

Riuscirà stavolta Marcel Kittel ad arrivare in Italia? Ogni riferimento a quanto accaduto due anni fa, col tedesco che si ritirò dopo le prime tre tappe in terra irlandese, è ovviamente voluto. In ogni caso sarà lui il faro della squadra belga, che gli mette a disposizione il bravo Fabio Sabatini nel ruolo di ultimo uomo del treno, e che organizzerà gli altri vagoni contando su Bob Jungels, Lukasz Wisniowski e Matteo Trentin, tutti e tre ovviamente liberi di tentare (con buone ambizioni) la via della fuga nelle tappe non strettamente destinate alla volata. Il co-capitano del team è Gianluca Brambilla, che all'ultima Vuelta si è disimpegnato bene e per il quale una top 20 è ampiamente alla portata. Quel che verrà di più, sarà tutto di guadagnato. Accanto all'azzurro, vedremo lavorare in salita il solido Pieter Serry e la componente latina formata da David De La Cruz e dal giovane Carlos Verona, ventitreenne i cui margini sono ancora tutti da esplorare.

IL CAPITANO
Marcel Kittel

 


FDJ

IL ROSTER

71 - Arnaud Démare
72 - Arnaud Courteille
73 - Mickaël Delage
74 - Murilo Fischer
75 - Alexandre Geniez
76 - Ignatas Konovalovas
77 - Olivier Le Gac
78 - Marc Sarreau
79 - Benoît Vaugrenard

L'ANALISI

In quella che è probabilmente la migliore annata della propria storia la FDJ punta a far bene anche al Giro d'Italia. La formazione di Marc Madiot si presenta con due capitani: per la classifica gli occhi sono puntati su Alexandre Geniez, già l'anno scorso capace di chiudere al nono posto nell'indifferenza generale. Dopo i netti miglioramenti a cronometro fatti nel corso dell'inverno non è impensabile vederlo ripetere, se non addirittura migliorare, il risultato del 2015. Per le volate torna in Italia dopo la sorprendente vittoria alla Milano-Sanremo Arnaud Démare: l'ex campione di Francia sarà uno dei nomi caldi per gli sprint e proverà a raccogliere la prima, agognata vittoria in un grande giro. Al suo fianco sarà corposo il trenino di gregari a sua disposizione: il pesce pilota è Mickaël Delage mentre l'esperto brasiliano Murilo Fischer è il deputato a portarlo su attorno agli ultimi 2000 metri. Passisti sono il lituano Ignatas Konovalovas (vincitore della crono finale di Roma nel 2009) e Olivier Le Gac, mentre il giovane Marc Sarreau, chiamato all'ultimo momento al posto di Cédric Pineau, potrà essere un'altra pedina per le volate. Completano la rosa Arnaud Courteille e Benoît Vaugrenard, due faticatori a tutto tondo.

IL CAPITANO
Alexandre Geniez

 


GAZPROM - RUSVELO

IL ROSTER

81 - Alexandr Kolobnev
82 - Aleksey Rybalkin
83 - Arthur Ershov
84 - Sergey Firsanov
85 - Alexander Foliforov
86 - Artem Ovechkin
87 - Ivan Savitskiy
88 - Alexander Serov
89 - Andrey Solomennikov

L'ANALISI

La grande sorpresona che viene dall'Est: tutti erano rimasti sorpresi dalla scelta di invitare la formazione russa come quarta wildcard al posto della nostrana Androni o di altre formazioni maggiormente collaudate. Ed invece la scelta di RCS Sport ha, nel corso dei mesi, assunto un ruolo da protagonista almeno nelle gare italiane: tutto merito di Sergey Firsanov, vincitore della Coppi & Bartali e del Giro dell'Appennino nonché buon quarto al competitivo Giro del Trentino. Il trentatreenne è un'incognita a questi livelli e quale sarà il suo rendimento è impossibile dirlo; da lui ci si aspetta però una corsa consistente e coraggiosa. Il corridore di esperienza nella compagine moscovita è Alexandr Kolobnev, in passato vicino a diventare anche campione del mondo: dopo qualche mese senza bici il trentacinquenne ha accettato l'offerta della Gazprom-RusVelo e sarà un importante elemento per i compagni di squadra. Per le volate la migliore opzione è quella di Ivan Savitskiy, mentre per le salite il supporto più solido per Firsanov verrà da Alexander Foliforov. Per il resto una lunga serie di gregari come Artur Ershov, Artem Ovechkin (da non disprezzare nelle cronometro), Aleksey Rybalkin, Alexander Serov e Andrey Solomennikov.

IL CAPITANO
Sergey Firsanov

 


IAM CYCLING

IL ROSTER

91 - Heinrich Haussler
92 - Matthias Brändle
93 - Leigh Howard
94 - Roger Kluge
95 - Matteo Pelucchi
96 - Stefan Denifl
97 - Lawrence Warbasse
98 - Marcel Wyss
99 - Vegard Stake Laengen

L'ANALISI

Non sarà di certo irresistibile la formazione rossocrociata che partirà da Apeldoorn: a guidare l'IAM Cycling ci proverà Matteo Pelucchi, velocista capace di vincere in prove importanti ma con le polveri bagnate in questa prima parte di stagione. Lo sprinter lombardo avrà con sé due ruote veloci australiane che lo potranno supportare nelle frazioni più piatte mentre negli sprint più accidentati potrebbero giocarsi le loro opportunità in prima persona: i due protagonisti sono Heinrich Haussler, che quest'anno ha dato dei bei segni di risveglio piazzandosi nei 10 alla Milano-Sanremo e alla Parigi-Roubaix, e Leigh Howard, vincitore della Clásica de Almería. Come gregari per le frazioni piatte saranno della partita il tedesco Roger Kluge e soprattutto l'austriaco Matthias Brändle, già detentore del record dell'ora e uomo buono per le prove contro il tempo. Per le salite e per le tappe mosse poca qualità: fra l'austricado Stefan Denifl, il norvegese Vegard Stake Laengen, lo statunitense Lawrence Warbasse e lo svizzero Marcel Wyss difficilmente si trova il nome di un futuro vincitore di tappa.

IL CAPITANO
Matteo Pelucchi

 


LAMPRE - MERIDA

IL ROSTER

100 - Diego Ulissi
101 - Valerio Conti
102 - Roberto Ferrari
103 - Ilia Koshevoy
104 - Sacha Modolo
105 - Matej Mohoric
106 - Manuele Mori
107 - Przemyslaw Niemiec
109 - Simone Petilli

L'ANALISI

L'anno scorso fu un successone con ben quattro vittorie di tappa a coronare un Giro di qualità; i Lampre-Merida ci riprovano confermando le due punte di diamante e aumentando, almeno sulla carta, il livello complessivo della rosa. Il leader è Diego Ulissi, uno che ha già racimolato in quattro partecipazioni altrettanti successi: il toscano è un corridore completo, dotato per giunta di un buono spunto veloce. Per le volate la carta si chiama Sacha Modolo, capace nel 2015 di primeggiare a Jesolo e a Lugano: il veneto ha mostrato un buon colpo di pedale al Giro di Turchia e punta a battere i rivali anche nello Stivale. Ad aprirgli la strada c'è Roberto Ferrari, esempio di sprinter che ha riposto le ambizioni personali in favore del bene comune. Per le salite, più che l'eterno polacco Przemyslaw Niemiec che tenterà indubbiamente di entrare in fuga, attenzione al bielorusso Ilia Koshevoy e al lombardo Simone Petilli, neoprofessionista che ha ben impressionato nelle prime pedalate tra i grandi. Attesa per la prima al Giro dello sloveno Matej Mohoric, voracissimo talento nelle categorie giovanili ma non riconfermatosi finora tra i professionisti: ha solamente ventun'anni, ma deve iniziare a dare qualche risposta. Completano la squadra il laziale Valerio Conti, la cui crescita si è un po' fermata, e l'inossidabile Manuele Mori, uomo e soprattutto amico fidato di Ulissi.

IL CAPITANO
Diego Ulissi

 


LOTTO SOUDAL

IL ROSTER

111 - Tim Wellens
112 - Lars Ytting Bak
113 - Sean De Bie
114 - André Greipel
115 - Adam Hansen
116 - Pim Ligthart
117 - Maxime Monfort
118 - Jürgen Roelandts
119 - Jelle Vanendert

L'ANALISI

La formazione belga si presenterà con André Greipel, velocista che vestirà probabilmente i panni di faro per le volate, come capitano: dopo un 2015 stratosferico, in questa prima parte di stagione non è riuscito a confermarsi, con sole 3 vittorie all’attivo, una delle quali di recente fattura al Giro di Turchia. Il belga Jurgen Roelandts, che potrebbe ambire a vittorie di tappa nelle frazioni mosse, dovrebbe essere l’ultimo uomo di Greipel. In ottica classifica generale, l’esperto belga Maxime Monfort è reduce dall’undicesimo posto dello scorso anno e, pur con una gara di rimessa, potrebbe puntare a migliorarsi per entrare tra i migliori 10. C’è interesse per il suo connazionale Tim Wellens, già due volte secondo di tappa nel 2014. Da allora si è specializzato come esuberante corridore da classiche. Potrebbe abbozzare un tentativo di classifica generale ma il vero obiettivo sarà quello di fare sua almeno una tappa. Il danese Lars Ytting Bak e l’australiano Adam Hansen sono gregari affidabili e duttili, con il secondo che prenderà il via nel 14esimo grande giro consecutivo, un record assoluto con i 13 precedenti tutti conclusi. A completare l’organico l’olandese Pim Lightart, un corridore completo, il belga Jelle Vanendert, cacciatore di tappe puro e in buona forma sulle Ardenne, e il suo giovane connazionale Sean de Bie, 24enne di buone speranze che potrebbe essere una delle sorprese di questo Giro.

IL CAPITANO
André Greipel

 


MOVISTAR TEAM

IL ROSTER

121 - Alejandro Valverde
122 - Andrey Amador
123 - Carlos Alberto Betancur
124 - José Herrada
125 - Javier Moreno
126 - José Joaquín Rojas
127 - Rory Sutherland
128 - Jasha Sütterlin
129 - Giovanni Visconti

L'ANALISI

Appuntamento inedito per Alejandro Valverde: il Giro d'Italia mancava nella sua lista di cose da fare prima di ritirarsi. E non è certo un appuntamento preso sottogamba dal murciano, che ha anche sacrificato parte del suo impegno sulle Ardenne per essere al top nella corsa rosa. Non ha a disposizione la migliore Movistar, concentrata più su Quintana per il Tour, ma è comunque una buona squadra quella che gli presterà servigio: l'arma segreta è il ritrovato Carlos Alberto Betancur, reduce da due successi di tappa tra Vuelta a Castilla y León e Vuelta Asturias. Ma Alejandro potrà disporre anche di Andrey Amador, sorprendente capitano nella precedente edizione, e Giovanni Visconti, anch'egli autore di un'ottima prova coronata con la conquista della maglia blu. Aggiungiamo alla rosa anche tre buoni pedalatori capaci di fare il ritmo in salita, come José Herrada, Javier Moreno Bazán, ed il più attempato Rory Sutherland, e viene fuori una squadra ben compatta attorno al suo capitano. Completano la rosa un nome utile per tirare in pianura come il giovane tedesco Jascha Sütterlin e José Joaquin Rojas, quest'ultimo magari con la licenza di disputare qualche volata.

IL CAPITANO
Alejandro Valverde

 


NIPPO - VINI FANTINI

IL ROSTER

131 - Damiano Cunego
132 - Giacomo Berlato
133 - Alessandro Bisolti
134 - Grega Bole
135 - Riccardo Stacchiotti
136 - Iuri Filosi
137 - Eduard Grosu
138 - Genki Yamamoto
139 - Gianfranco Zilioli

L'ANALISI

La formazione italo-giapponese punta molto su Damiano Cunego: il veronese, anziché cercare di far classifica come avvenuto negli ultimi appuntamenti, ha già (saggiamente) dichiarato di puntare ai traguardi parziali, tornando così ad assaporare una gioia nella Corsa Rosa che manca dal lontano 2004, l'anno della sua consacrazione. Per le frazioni intermedie spazio allo sloveno Grega Bole, altro elemento di esperienza che potenzialmente può ben figurare; le volate piatte saranno invece terreno per Eduard Grosu, rumeno dalle doti non comuni ma troppo spesso incostante. In salita tre gregari come Alessandro Bisolti, Iuri Filosi (al debutto al Giro) e Gianfranco Zilioli cercheranno di azzeccare la fuga giusta. Quando si parla di fuga il nome da associare immediatamente è quello di Giacomo Berlato, che nell'anno e mezzo da professionista ha percorso in avanscoperta più km rispetto a navigati ultratrentenni. Saranno della partita anche il marchigiano Riccardo Stacchiotti e il giapponese Genki Yamamoto, altri due nomi da giocare a ripetizione nel "totofuggitivi".

IL CAPITANO
Damiano Cunego

 


ORICA GREENEDGE

IL ROSTER

141 - Esteban Chaves
142 - Sam Bewley
143 - Caleb Ewan
144 - Michael Hepburn
145 - Damien Howson
146 - Luka Mezgec
147 - Rubén Plaza
148 - Svein Tuft
149 - Amets Txurruka

L'ANALISI

Se Esteban Chaves fosse quello ammirato nel corso della prima settimana della Vuelta 2015, non avremmo dubbi nell'indicarlo come uno degli spauracchi della startlist; fin qui ha ceduto alla distanza, ma ci sta che sia anche cresciuto (è ancora giovane, quest'anno ne ha compiuti 26) e che riesca a dire la sua anche nella temuta terza settimana, magari perdendo qualche posizione ma restando in alta classifica. Sulle Alpi conterà sull'esperienza (e la sapienza autogestionale) di veterani come Rubén Plaza e Amets Txurruka, che per una volta dovranno sacrificare la loro indole fuggitiva per riservare le gambe a fini gregaristici; ma ugualmente il colombiano rischia di restare spesso da solo: e sì, perché il resto della squadra pare fatto su misura di un velocista, che in questo caso è l'imberbe (ma fortissimo) Caleb Ewan, il quale avrà a disposizione assi dell'inseguimento come Michael Hepburn e Damien Howson (quest'ultimo migliorato in salita), treni da pianura come Sam Bewley e Svein Tuft e un ultimo uomo del calibro di Luka Mezgec (uno che le volate potrebbe farle in proprio, e non è detto che non le faccia, se il bimbo Caleb dovesse ritirarsi strada facendo).

IL CAPITANO
Esteban Chaves

 


TEAM GIANT - ALPECIN

IL ROSTER

151 - Tom Dumoulin
152 - Nikias Arndt
153 - Bert De Backer
154 - Chad Haga
155 - Cheng Ji
156 - Tobias Ludvigsson
157 - Georg Preidler
158 - Tom Stamsnijder
159 - Albert Timmer

L'ANALISI

Alla Vuelta dell'anno scorso impressionò per brillantezza (soprattutto nella prima metà) e tenacia (nella seconda). Il podio gli sfuggì, e non è che stavolta sembri più vicino, fatto sta che Tom Dumoulin desta tanta curiosità, e almeno per due terzi di Giro potrà essere grande protagonista, per poi presumibilmente pagare dazio sulle montagne; non che la squadra che ha intorno sia peraltro particolarmente attrezzata per le salite, se si escludono l'austriaco Georg Preidler e lo statunitense Chad Haga. Per il resto, un nugolo di passistoni capaci di menare tanto e bene soprattutto sul piano; vedremo probabilmente più spesso in fuga il belga Bert De Backer e l'olandese Albert Timmer, e più votati al ruolo di treno da inseguimento il cinese Cheng Ji, lo svedese Tobias Ludvigsson e l'olandese Tom Stamsnijder. Il tedesco Nikias Arndt è il più veloce della compagnia: non vuol dire che potrà vincere una volata, ma se tiene le tre settimane potrebbe dire la sua nelle ultime due tappe da sprint.

IL CAPITANO
Tom Dumoulin

 


TEAM KATUSHA

IL ROSTER

161 - Ilnur Zakarin
162 - Maxim Belkov
163 - Pavel Kochetkov
164 - Vyacheslav Kuznetsov
165 - Anton Vorobyev
166 - Alexander Porsev
167 - Egor Silin
168 - Rein Taaramäe
169 - Alexey Tsatevich

L'ANALISI

Forse la più grande scommessa del Giro 2016 risponde al nome di Ilnur Zakarin. Forte a cronometro, bravo in salita, ha dato filo da torcere ai big in brevi gare a tappe (Parigi-Nizza e Romandia), e l'anno scorso conquistò una frazione (a Imola) nella corsa rosa, oltre a dimostrare un buon fondo: se vuole fare classifica, è il momento di testarsi. Avrà a supporto i solidi Rein Taaramäe (troppo incostante per fare il capitano), Pavel Kochetkov e Egor Silin nelle tappe più dure; Vyacheslav Kuznetsov e Anton Vorobyev sanno il fatto loro quando si tratta di tirare in pianura (il secondo anche nelle cronometro), mentre Maxim Belkov ha ottime doti da attaccante, e potrebbe metterle a frutto in qualche fuga (già lo fece tre anni fa nella tappa di Firenze). Alexey Tsatevich è capace di spunti interessantissimi nei finali ondulati (seppur veloci), mentre Alexander Porsev è accreditato come lo sprinter del gruppo: vince pochissimo, ma in volata si piazza quasi sempre.

IL CAPITANO
Ilnur Zakarin

 


TEAM LOTTONL - JUMBO

IL ROSTER

171 - Steven Kruijswijk
172 - Enrico Battaglin
173 - Moreno Hofland
174 - Twan Castelijns
175 - Martijn Keizer
176 - Primoz Roglic
177 - Bram Tankink
178 - Maarten Tjallingii
179 - Jos Van Emden

L'ANALISI

Dopo la settima posizione dello scorso anno, Steven Kruijswijk torna al Giro con l'ambizione di confermarsi in top 10. Nella prima parte di stagione non ha fatto sfracelli (come miglior risultato un 13esimo posto a cronometro alla Vuelta a Andalucía) ma nel recente Tour of Yorkshire sembra aver cambiato marcia: quinto posto nella frazione più impegnativa e nella classifica generale. La squadra, di fatto, sarà tutta a sua disposizione con tutta la sicurezza degli olandesi Bram Tankink, Maarten Tjallingii e Jos van Emden (attenzione a lui per le cronometro, potrebbe addirittura provare il colpaccio nella prima tappa). Completano l'organico l'ex saltatore con gli sci sloveno Primoz Roglic, interessante da valutare in salita per questo suo esordio in un GT, e gli olandesi Martijn Keizer e Twan Castelijns. Battitori liberi il velocista Moreno Hofland e l’azzurro Enrico Battaglin, ancora alla ricerca del primo squillo con la nuova divisa: in carriera ha già vinto due tappe al Giro e la corsa rosa si adatta alle sue caratteristiche. Ci sono arrivi adattissimi alle sue caratteristiche come Praia a Mare, Benevento, Arezzo e non solo. In definitiva, squadra costruita per un leader che non offre garanzie di risultato: potrebbero reinventarsi nelle fughe della prima ora per cercare una vittoria parziale.

IL CAPITANO
Steven Kruijswijk

 


TEAM SKY

IL ROSTER

181 - Mikel Landa
182 - Ian Boswell
183 - Philip Deignan
184 - Sebastián Henao
185 - Mikel Nieve
186 - Christian Knees
187 - David López
188 - Nicolas Roche
189 - Elia Viviani

 L'ANALISI

L'uomo che tutti considerano il rivale numero uno di Vincenzo Nibali è Mikel Landa, uno degli scalatori più forti sulla piazza, e forse quello stilisticamente più bello da vedere; terribilmente efficace, pure. Se nel 2015 fu frenat(issim)o da ordini di scuderia (Astana) in favore di Fabio Aru, stavolta - dopo il cambio di casacca - avrà a sua disposizione un roster molto interessante. Mikel Nieve, chiamato all'ultimo al posto di Sergio Henao, sarà di fondamentale importanza per controbattere ai tanti scalatori kazaki. David López e Philip Deignan saranno gli sherpa delle Alpi, Nicolas Roche è la mezzapunta che potrà togliere al capitano tante castagne dal fuoco, Ian Boswell un gregario da non sottovalutare mentre Sebastián Henao (22 anni) è il più giovane della compagnia ma ha già fatto intravedere cose egregie in salita. Christian Knees è l'esperto uomo pronto a ogni eventualità, e per le volate Elia Viviani dovrà sbrigarsela un po' da sé, anche se in passato ha dimostrato di saperci fare anche arrangiandosi, e l'obiettivo di una nuova vittoria di tappa (dopo quella di Genova 2015) non è irraggiungibile per lui.

IL CAPITANO
Mikel Landa

 


TINKOFF

IL ROSTER

191 - Rafal Majka
192 - Manuele Boaro
193 - Pavel Brutt
194 - Jesús Hernández
195 - Jay McCarthy
196 - Pawel Poljanski
197 - Ivan Rovny
198 - Evgeny Petrov
199 - Matteo Tosatto

L'ANALISI

Rafal Majka sarà giunto al livello di maturazione necessario per poter lottare da pari a pari coi favoriti del Giro? Forse sì: pagherà ancora nelle cronometro, ma in salita è un cagnaccio che promette di uscire forte la terza settimana. Ovvio che la squadra ruoti tutta intorno a lui: gli esperti Evgeny Petrov e Jesús Hernández gli saranno utili in salita, così come Pawel Poljanski, che anzi si candida al ruolo di suo erede, visto che ha già dimostrato di saperci fare abbastanza. Ivan Rovny sarà il più umile degli scudieri, Pavel Brutt avrà talvolta via libera per tentare la fuga (e rendersi utile anche in avanscoperta), Manuele Boaro e Matteo Tosatto saranno i treni da pianura: il secondo, che festeggerà le 42 primavere in corsa, sale a quota 33 grandi giri disputati, aumentando sempre più la leadership in questa graduatoria (Petacchi è fermo a 31). Per i traguardi veloci ma impegnativi (non proprio le volate, insomma), occhio all'australiano Jay McCarthy, che in gennaio al Down Under dava la paga a scattisti e finisseur molto più quotati di lui.

IL CAPITANO
Rafal Majka

 


TREK - SEGAFREDO

IL ROSTER

201 - Ryder Hesjedal
202 - Eugenio Alafaci
203 - Jack Bobridge
204 - Fabian Cancellara
205 - Marco Coledan
206 - Laurent Didier
207 - Giacomo Nizzolo
208 - Boy Van Poppel
209 - Riccardo Zoidl

L'ANALISI

Dopo sei anni di assenza Fabian Cancellara torna al Giro d’Italia per la terza ed ultima apparizione della carriera nella corsa italiana. Il grande obiettivo, per lui, sarà la conquista della maglia rosa dopo la cronometro di Apeldoorn per provare a tenerla il più possibile. Nei primi 10 giorni può trovare tappe adatte per un’eventuale vittoria. Giacomo Nizzolo sarà il velocista della squadra: gli manca ancora la vittoria al Giro che però è nelle sue corde, e già nelle scorse stagioni ci è arrivato vicino con una serie di piazzamenti difficilmente eguagliabili. Sarà supportato da un ottimo treno formato dall’australiano Jack Bobridge, Eugenio Alafaci, Marco Coledan e l’olandese Boy Van Poppel. Il lussemburghese Laurent Didier potrebbe lavorare nelle prime fasi della tappa. Per quanto riguarda la classifica generale, la formazione statunitense dovrebbe puntare su Ryder Hesjedal: dopo la vittoria del 2012 il canadese non si è più espresso sugli stessi livelli ma nella terza settimana potrebbe regalare spettacolo con la solita grinta. Al suo fianco l’austriaco Riccardo Zoidl, scalatore di buon livello più adatto alle fughe che alla cura di una classifica generale da prime 10 posizioni, complice anche la poca dimestichezza con le corse di tre settimane. 

IL CAPITANO
Fabian Cancellara

 


WILIER - SOUTHEAST

IL ROSTER

211 - Filippo Pozzato
212 - Julen Amezqueta
213 - Manuel Belletti
214 - Liam Bertazzo
215 - Matteo Busato
216 - Cristián Rodrínguez
217 - Jakub Mareczko
218 - Daniel Martínez
219 - Eugert Zhupa

L'ANALISI

Il Giro d'Italia sarà un appuntamento molto importante per la Willier-Southeast, visto che sarà la prima gara coi nuovi colori a seguito dell'ingresso della marca di biciclette originaria di Bassano del Grappa come main sponsor. Necessario dunque far bene, l'obiettivo è portare a casa una o più tappe nonostante la squadra sia giovanissima, composta per metà da neoprofessionisti e under 23 senza esperienze di GT. Il più atteso per un risultato di spicco è Jakub Mareczko, che al Giro di Turchia ha confermato di essere vicino al livello dei grandi degli sprint e nella Corsa Rosa potrebbe definitivamente sbocciare. L'alternativa più affidabile è Manuel Belletti, che al Giro ha già vinto in passato: entrambi saranno coadiuvati dall'oro europeo su pista Liam Bertazzo. Per azioni personali e fughe, invece, due sono gli uomini di riferimento: uno è ovviamente Filippo Pozzato, il quale come al solito bisognerà vedere se garantirà l'impegno necessario; l'altro è Matteo Busato, lentamente emerso negli anni e apparso anche capace di fare un minimo di classifica. Abbiamo citato gli italiani, adesso tocca agli stranieri: il colombiano Daniel Felipe Martínez e i neoprofessionisti Julen Amezqueta e Cristián Rodríguez son dentro soprattutto per fare esperienza e stringere i denti in qualche tappa alpina, nonostante qua e là abbiano già mostrato discrete capacità. Chiude i ranghi un altro uomo da fughe, l'albanese Eugert Zhupa.

IL CAPITANO
Filippo Pozzato

Alberto Vigonesi
Nicola Stufano
Marco Grassi
Fabio Canonico
Gianluca Santo

RSS Facebook Twitter Youtube

24/May/2016 - 21:06
All'An Post Rás giornata di gloria per James Gullen nella tappa "di montagna": Fankhauser diventa leader

24/May/2016 - 17:07
Giro, nel giorno della nuova delusione di Vincenzo Nibali vince Alejandro Valverde davanti a Kruijswijk e Zakarin

23/May/2016 - 22:12
An Post Rás, nella seconda tappa vince il padrone di casa Eoin Morton

23/May/2016 - 16:00
Giornata di rinnovi: André Greipel e Marcel Sieberg alla Lotto Soudal fino al 2018, Geraint Thomas prolunga con la Sky

23/May/2016 - 13:11
Benjamin Prades vince l'ultima tappa del Tour de Flores ma non basta, la generale va a Daniel Whitehouse

23/May/2016 - 12:39
Brutte notizie per il ciclismo elvetico: l'IAM Cycling comunica che cesserà l'attività a fine stagione

23/May/2016 - 11:22
Conclusi i Campionati Panamericani: l'ultimo oro è dell'ecuadoriano Jonathan Caicedo

22/May/2016 - 23:59
Il Tour of California si conclude con una imperiosa volata di Mark Cavendish. Classifica finale a Julian Alaphilippe

22/May/2016 - 23:39
Il Tour of Bihor si chiude nel segno dell'Androni Giocattoli-Sidermec: tappa a Marco Benfatto, generale a Egan Bernal

22/May/2016 - 23:20
Women's Tour of California: gioie finali per Kirsten Wild e Megan Guarnier. Le altre corse: ok Bertizzolo e Lepistö

22/May/2016 - 22:44
Velothon Wales, Thomas Stewart supera Rasmus Guldhammer e Ian Bibby

22/May/2016 - 22:24
Dilettanti, ulteriori vittorie per Nicola Bagioli e Riccardo Minali alla Due Giorni Marchigiana

22/May/2016 - 22:22
Scatta l'An Post Ras: la prima tappa va all'olandese Taco Van der Hoorn grazie ad un colpo di mano

22/May/2016 - 21:31
Baltyk-Karkonosze Tour, nell'ultima giornata due top 10 per Davide Pacchiardo che chiude ottavo in classifica. Generale a Mateusz Taciak